imparagratis
keyboard_arrow_right
niktorthenat
app android, guadagnare online

Vieni a mangiare da me?

Siamo nell’era della condivisione, dove ogni pensiero, ogni servizio, viene condiviso con gli altri.

Per qualcuno questa è una inutilità, per altri un’esagerazione, per altri apre nuove opportunità di business.

E’ il caso dell’app che vi segnalo oggi, e che si chiama AirDine.

La trovate negli app store di Apple e Google in formato gratuito. L’unica pecca, a mio avviso, è che essendo una giovane app, è ancora in lingua inglese, ma comunque utilizzabile in Italia.

L’app permette di fare la stessa cosa che ci permette di fare, ad esempio, Airbnb, che come sapete, quest’ultima è un’app che consente di condividere la propria stanza, o casa, con altre persone.

AirDine invece ci permette di condividere il nostro pranzo o cena, o comunque un momento di condivisione legata al cibo, come aperitivi, colazioni, o altro.

Chiaramente possiamo chiedere un compenso in denaro per ciò che offriamo, così come avviene per servizi come Airbnb o simili.

Ipotizziamo che ci piace molto cucinare, che conviviamo con il nostro partner, e che nella sala da pranzo abbiamo un bel tavolo allungabile che dà la disponibilità di 10 posti a sedere.

Togliendo il fatto che io e il partner siamo due, avremo ancora 8 posti liberi a tavola.

Bene. Ora scarico AirDine e mi registro, inserisco una foto e compilo il profilo, quindi, ipotizzando che oggi è il 29 aprile 2017, inserisco una cena che farò il 30 aprile 2017, tra le ore 20.00 e le ore 23.00. Inserisco qualche info sulla casa, ovvero che si trova in centro storico, vicino la piazza della Cattedrale, che ha un balcone con vista sul centro. Poi segno le regole della casa tra quelle proposte dall’app, che servono a dire se ci sono bambini in casa, se è possibile accettare bambini in casa (magari perchè si dispone di seggiolone, oppure microonde o altro per scaldare biberon, ecc…), se sono ammessi animali domestici, se è ammesso fumare.

Ora posso inserire il menu, indicare se le bevande sono incluse nel prezzo ed infine inserisco il prezzo a persona.

Ora che ho pubblicato questa “inserzione”, gli utenti potranno consultare le informazioni, e se vorranno, potranno prenotare la cena, pagando con carta di credito. Non rilevo la possibilità di pagare con altri metodi come PayPal. Prenotando ad esempio per due, verranno detratti dall’app, la disponibilità dei posti per altri ospiti. Non sarà necessario raggiungere il numero prestabilito di 10 ospiti totale.




Chi ospita, invece, deve fornire il proprio IBAN dove saranno accreditati i proventi della cena.

Per cercare una casa dove andare a mangiare, l’app fornisce la mappa del mondo, così si potrà cercare direttamente sulla mappa la zona più vicina a noi, e già sulla mappa, sarà indicato il prezzo previsto.

Al momento, in tutto il Mondo, ci sono solo una decina di case che ospitano eventuali ospiti, ma questo succede perchè l’app, ad oggi, è stata scaricata da circa 5.000 utenti, quindi troppo pochi, rispetto alle migliaia di utenti che hanno scaricato le app più famose.

editoriale

Esclusi senza WhatsApp

Sono uno dei pochissimi utenti del Mondo che non ama WhatsApp, soprattutto da quando è stata acquisita da Facebook, ma già non la amavo tanto prima.
No, non è colpa di WhatsApp, perchè come app è strardinaria, mi permette di inviare messaggi, foto, documenti, video e suoni ad un utente in modo veloce, immediato, o anche a gruppi di persone. Fantastico.
Però gli utenti pensano che sia un gioco, e così, mentre molti usano WhatsApp come un gioco, disturbano chi lo usa come un mezzo di comunicazione.
Se devo inviare un messaggio a qualcuno, lo spedisco con il testo ed immagini necessarie, ma solo se devo comunicare qualcosa. Invece a me spediscno decine di foto, messaggi e video di cose di cui non me ne frega niente. 
Lo so, ho usato una frase troppo schietta, ma che spiega davvero come la penso.
Del messaggio "catena di sant'antonio" che mi informa che WhatsApp è a pagamento, ad esempio, non mi interessa nulla, anche perchè mi arriva da diversi utenti o gruppi, e poi, se WhatsApp vorrà farmi pagare, mi invierà il messaggio.
Se ci sono dei ladri che rubano, e mi arriva il messaggio "bufala" di un'auto con la foto di un presunto ladro che ruba per le case, non mi interessa, perchè che sia un ladro, che siano due, che sia alto, basso, a piedi o in macchina, mi preoccuperò quando arriva a casa, ma no mi va di essere allarmato per nulla.

Per ben tre mesi, da ottobre 2016 a gennaio 2017, sono rimasto senza WhatsApp, disinstallandolo. Non ho detto nulla a nessuno, non ho avvisato nessun amico, nessun parente, perchè infondo, se mi devono cercare, possono sempre telefonarmi.
Sono stati mesi tranquilli, senza preoccupazioni di sentire bip bip del telefono che mi avvvisava di nuovi messaggi, senza la preoccupazione di dover leggere l'ennesimo messaggio, che spesso era una fesseria e non un messaggio importante.
Mi sono visto più ranquillo rispetto ai miei colleghi di lavoro, rispetto ai miei famigliari.
Io tranquillo e loro a ridere soli, o imprecare, o a perdere diversi minuti di tempo in casa o al lavoro, per leggere messaggi più o meno desiderati.
Ho ascoltato i discorsi di tutti. Intendo i discorsi a voce. Ho dato retta a tutti, ma comunque l'ho sempre fatto, ma molti di loro non lo hanno fatto con me, ad ogni bip bip, hanno distolto l'attenzione da me per leggere i messaggi.

Ho usato solo SMS per comunicare, e a me andava benissimo, ma ho visto che chi doveva scrivermi faceva fatica, fino a non scrivermi più.

Sono stato "isolato" tecnologicamente parlando, quasi escluso, solo per non aver più usato WhatsApp.

Questa breve esperienza mi ha aperto gli occhi su tanti aspetti.

  • le persone hanno bisogno di essere considerate, devono avere attenzioni da parte di più persone. Se qualcuno non riceve messaggi, controlla il suo cellulare pensando che cisiano problemi di linea, perchè si sente escluso dalla società
  • chi non usa certe applicazioni come WhatsApp, ma anche Facebook, viene escluso dalla vita sociale, perchè se vuole sapere come sta una amico, deve leggerlo su queste app, non può chiederlo a voce, perchè spesso, la persona a cui si chiede, non ha tempo e non gli piace parlare a voce
  • non usare WhatsApp o applicazioni di comunicazione simili, aiuta a vivere meglio, ad essere più tranquilli, senza preoccupazioni di dover controllare se sono arrivati messaggi, e aiuta anche a socializzare in modo "umano", cioè comunicando di persona, apprezzando il dialogo e la scoperta di cosa ci circonda
  • la tecnologia non è dannosa, ma è dannoso l'uso che se ne fa.
acquisti online, recensioni, siti utili

Avere sconti su prodotti venduti su Amazon

Diversi anni fà, quando compravo su Internet, molti di quelli che conoscevo mi guardavano storto, cioè pensavano che ero uno sprovveduto a fidarmi di negozi online, dell'uso della carta di credito su Internet, e cose simili.

Oggi sono io che dico a quei conoscenti di fare attenzione agli acquisti online, non perchè siano pericolosi, ma sul fatto che fanno acquisti si siti poco affidabili, e loro mi guardano ancora una volta male, pensando che sono esagerato.

Insomma, non c'è pace per NiktorTheNat 😉

Comunque sia, per fortuna, oggi, l'uso dell'e-commerce, è molto diffuso, giustamente. Per questo motivo non verrò guardato male se vi informo dell'esistenza di questo sito internet: https://www.vipon.com/

Questo sito Internet raccoglie i buoni sconto offerti da negozianti che vendono sul sito www.amazon.it, e ve li propone, senza alcun vincolo, se non quello di recensire il prodotto una volta che lo avete acquistato. Recensire un prodotto su Amazon, significa solamente dare un proprio giudizio personale, non certo fafe una recensione professionale alla quale siamo abituati guardare su Youtube o altri canali. E' sufficiente dare dele propei opinioni, giustem corrette, in modo da aiutare la comunity di utenti Amazon a fare il giusto acquisto e la giusta valutazione.

Seppur semplice da utilizzare, vi mostro in un video tutorial come usare https://www.vipon.com/.

editoriale

Eliminazione del Forum di imparagratis.com

Quando ho lanciato questo sito, ho anche aperto un forum in cui gli utenti potessero sostenersi a vicenda. Un utente meno esperto faceva un adomanda, e quello più capace, rispondeva per aiutarlo.

Premetto che a me i forum non sono mai piaciuti, perchè spesso mi sono imbattutto in domande a cui non venivano date risposte, ma solo rimproveri, come ad esempio:

Domanda: "Come si fa ad eseguire un ciclo infinito con Python?"

Risposta: "Leggiti il manuale ufficiale, che c'è scritto"

oppure

Domanda: "Quale resistenza serve a collegare un led ad Arduino?"

Risposta: "Prima devi presentarti nella sezione delle presentazioni e poi puoi fare le domande"

Insomma, questo tipo di risposte mi hanno sempre allontanato dai forum che non ho mai apprezzato. Ho quindi esitato un po' ad aprirne uno nel mio sito e poi ho ceduto, chiedendo però a voi Utenti di usarlo liberamente con il solo scopo di qiutarvi a vicenda.

Per un lungo periodo c'è stato principalmente l'utente byProgrammer che ha sostenuto il forum, dando risposte davvero quasi a tutti, ma tutto questo non ero lo scopo del forum, era quello di condivisione di aiuto. Considerato che questo mio intento è fallito e che nel forum ci sono decine e decine di domande senza risposte, e soprattutto che molte delle sezioni come su Microsoft Word, Microsoft Excel, MySql, Pascal, e tanti altri, non venivano usate da anni, ho deciso di interrompere questo serviziom dato che non è un servizio utile.

Cercherò altre soluzioni per fare in modo che possiate aiutarvi tra di Voi.

acquisti online, recensioni

Recensione TvBox Dolamee D5

Se oggi andiamo a comprare un TV in un negozio di elettronica, ed abbiamo tanti soldi nel portafoglio, possiamo portarci via una smart TV, cioè una TV che oltre a far vedere i canali TV che noi tutti conosciamo ci permette anche di collegarsi ad Internet e quindi usufruire di tutti quei servizi che Internet ci dà.

Non tutti però abbiamo grandi budget di denaro, e allora dobbiamo rinunciare alla smart TV?

No.

Volendo, possiamo avere qualcosa anche noi, e questa recensione lo dimostra, spendendo solo 30,00 euro circa.

Quello di cui abbiamo bisogno è una TvBox, cioè una scatoletta, spesso molto piccola, meno della metà di un decoder digitale/satellitare. Ce ne sono di diversi tipi, modelli, caratteristiche tecniche, ma tutte infondo sono uguali. L’unica cosa che cambia è la potenza di calcolo, così come avviene per gli smartphone. Abbiamo in commercio migliaia di smartphone, ma tutti sono uguali, perchè usano sistemi operativi simili, fatti di icone ed app, hanno uno schermo, la fotocamera, il GPS, i sensori, ecc… però tra loro sono differenti per velocità, prestazioni, caratteristiche costruttive esterne.

Anche per le TV Box vale lo stesso discorso. Hanno forme diverse, ma colori spesso uguali (nero o bianco), processori differenti, RAM differenti, più o meno prese USB e poco altro.

Quella di cui vi parlo in questa recensione è la Dolamee D5 che potete acquistare su Amazon premendo sul banner qui sotto:

è una delle più economiche, dato che oggi costa 30 euro circa. L’ho testata apposta per vedere se fosse sufficiente a soddisfare ne nostre esigenze di appassionati di tecnologia.

Il dispositivo è piccolissimo e leggerissimo, sta nel palmo di mano, è nero e presenta due prese USB, una porta LAN, ha il WiFi, 1 GB di RAM, 8GB di spazio disco interno, porta per l’inserimento di scheda di memoria, uscita audio e porta HDMI, ed è dotata anche di telecomando, alimentatore europeo e cavo HDMI.

Al momento è dotata di sistema operativo Android 5.1 adattato a tablet.

E’ la prima volta che uso un dispositivo del genere, quindi non posso fare paragoni con nulla, ma spiegherò le mie impressioni in base alle mie esperienze.

Che sia una scatola rettangolare, triangolare, o rotonda, poco importa, infondo lo dobbiamo appoggiare su un ripiano nei pressi del TV. Il case è di plastica e ha piccole ferritoie per il ricircolo dell’aria che è sempre utile al processore.

Si deve collegare l’alimentatore al dispositivo e quindi alla corrente. Poi si deve collegare il cavo HDMI dal dispositivo alla TV. Ora è sufficiente selezionare l’uscita HDMI del vostro TV e premere sul pulsante di accensione, di colore rosso, sul telecomando.

Apparirà una classica finestra video fatta di pulsantoni. E’ Android. Le icone sono quelle tipiche. C’è anche il Play Store con tutto il suo mondo di app.

Se non abbiamo il modem vicino, e quindi la presa LAN per connetterci ad Internet, dovremo andare nelle impostazioni e cercare la nostra rete WiFi per avere Internet.

Da quel momento la nostra TV diventerà smart.

Potremo usare Facebook, posta elettronica, Twitter, Google+, app di news, magari, app che ci mostrano i programmi TV del giorno (direi che è più adatto per questo uso), insomma, possiamo scaricare cosa vogliamo, anche giochi.

C’è però un piccolo problema, risolvibile, ma inizialmente sarà un problema. Senza una piccola tastiera siamo in difficoltà a scrivere, perchè usare il selettore del telecomando per spostarci da una lettera all’altra della tastiera virtuale, diventa noioso e lungo scrivere dei testi.

Tra le app già installate di sistema, c’è Kodi, un media center che apre il mondo a video, audio e immagini. Grazie solo a Kodi, per chi è un vero smanettone, sarà possibile vedere programmi TV, film, cartoni animati documentari e tanto altro ancora. SI collega a server, torrent, e altro più o meno legale, questo dipende solo da come lo userete.

Premetto che dispongo di una connessione Internet inferiore ai 4 mega, ma nei miei test la Dolemee D5 si è comportata comunque bene.

Giocare è impossibile, perchè con il telecomando non è possibile. Attenzione che non ha una connessione bluetooth, quindi penso non supporta il riconoscimento di joypad, o controller simili.

Però dobbiamo ricordarci che deve essere un’estensione della nostra TV e quindi musica e video devono essere il suo lavoro.

Per i video è quello che vogliamo. Possiamo vedere a pino schermo e in buona qualità i video di Youtube o altri social di condivisione video, diventa un’ottimo jukebox video, se facciamo suonare le nostre playlist preferite sfruttando l’audio di qualità del nostro TV o impianto home theatre.

Non ci sono ritardi, impuntamenti o altro. Il video è fluido.

Con Kodi non ci sono problemi. Una volta trovato il flusso video o audio che ci interessa, tutto funziona alla perfezione.

Discorso a parte va fatto per Netflix, che come sapete offre in abbonamento, film in alta definizione. Qui ho riscontrato un piccolo problema. L’audio non è perfettamente sincronizzato con le immagini video. E’ un ritardo di un attimo ma si nota e non è piacevole. Per avere una sincronizzazione quasi perfetta ho dovuto andare nelle impostazioni video di sistema, abbassare la risoluzione video, o meglio solo i frame per secondo. Da 60 frame per secondo, ho impostato a 25, che è poi la normalità dei frame per secondo del nostro sistema televisivo. Ora il video è decente e si può guardare.

Direi che un solo giga di RAM di cui è dotato è un po’ poco, ma per le mie esigenze va benissimo, sono soldi ben spesi, soprattutto perchè ne sono stati spesi davvero pochi, considerati 31,00 compresa la spedizione.

Qui sotto la mia video recensione:

acquisti online, recensioni

OXOQO Lenti per Cellulari Kit con Luce LED selfie

OXOQO Lenti per Cellulari Kit con Luce LED

Tutti possediamo un telefono cellulare, ma non tutti possiamo possedere il miglior telefono cellulare.

Quando vogliamo acquistare un ottimo telefono cellulare, lo facciamo per poter usare le sue speciali e migliori caratteristiche. Si, si, lo so, molti acquistano il miglior smartphone solo come status symbol, solo per mostrarlo, e poi lo usano solo come telefono voce o chattare sui social.

In realtà, quando uno spende così tanti soldi per acquistare il miglior smartphone, lo fa, appunto, per ottenere le migliori prestazioni, perchè magari è un incallito giocatore dei più recenti videogames, che come sappiamo hanno bisogno di tanta memoria, schermi grandi, e velocità di calcolo estreme. Qualcuno invece acquista il miglior smartphone sul mercato perchè ha la miglior fotocamera, ed essendo appassionato di fotografia o video riprese, ecco che fa questa spesa per avere il meglio.

Bene, in questo articolo, scritto da me che non ho tutte queste possibilità economiche, ma che sono appassionato anche di fotografia, vi spiego come, sfruttando il vostro umile cellulare, possiate, con la spesa di pochi euro, migliorare la fotocamera del vostro telefono, permettendovi di scattare foto che solitamente possono essere fatte con i migliori smartphone.

E’ chiaro che la qualità della risoluzione rimane quella del vostro telefono, ma miglioreremo, o meglio, espanderemo le possibilità d’uso della fotocamera.

Con le lenti OXOQO che potete acquistare su Amazon a poco più di 10,00 euro, sarà possibile fare scatti fotografici di macro e di foto fish-eye (occhio di pesce).

Le foto macro, sono quelle foto molto ravvicinate al soggetto da riprendere. Avete presente quando vengono fotografate le ali di qualche insetto, piuttosto che il bulbo di un capello, o un piccolo puntino di inchiostro di biro su un foglio, o un dettaglio di una banconota di denaro, insomma, tutte quelle foto che entrano nel dettaglio di un qualcosa di piccolo. Questa è la foto macro.

Se provate a fare questo tipo di foto con il vostro cellulare non ci riuscirete, perchè la fotocamera, quando la avvicinate al dettaglio da fotografare, non riesce a mettere a fuoco. Provate.

Con le lenti comprese in questo kit, potrete invece avvicinarvi fino a toccare il dettaglio da fotografare, e scattare la foto rimanendo a fuoco. Inoltre, questo gadget, ha incorporati 4 led, non molto potenti, ma comunque sufficienti per le foto che dovremo fare, che ci permetteranno di illuminare il dettaglio da fotografare, dato che avvicinandoci a lui, faremo ombra con il nostro stesso corpo e con la fotocamera. I quattro led sono ricaricabili con cavetto USB compreso nella confezione.

Altro tipo di foto che potremo realizzare con questo gadget è la foto fish-eye, ovvero a “occhio di pesce”, che è quel tipo di foto sferica, che inquadra molto di più di quello che riuscirebbe a fotografare la fotocamera da sola. Un esempio lo potrete vedere nel video della recensione che ho realizzato qui sotto.

Infine vi è un’altra lente che amplia il raggio di ripresa, o meglio, l’angolatura di ripresa dell’biettivo della nostra fotocamera. Insomma, se dovete fotografare un gruppo di amici, magari una squadra di calcio, con questa lente compresa nel kit, non dovrete allontanarvi troppo da loro per riprenderli tutti nella stessa foto, ma la lente ingrandirà l’angolo di ripresa di quel poco che vi serve.

Il gadget è solido e ben costruito, così come le lenti. Il fatto che sia a forma di pinza, permette di essere universale, potendolo adattare a qualsiasi tipo di smartphone di qualsiasi marca e sistema operativo come Windows Phone, iPhone o Android, ed anche utilizzabile su Tablet e sulle telecamere dei computer portatili.

Per vedere meglio il prodotto e/o acquistarlo su Amazon, premete su questo link.

acquisti online, recensioni

Recensione DBPOWER EX5000 – action cam

dbpower ex5000

“E nacque il cellulare, un aggeggio elettronico che permetteva di comunicare con le persone, con una telefonata, con la voce, ma ancora di più con le parole scritte, gli SMS. Passò il tempo, passarono gli anni, e nacque l’action-cam, una videocamera in miniatura, piena di alta tecnologia, per riprendere le nostre vite, le nostre acrobazie, e fu subito luce…”

La storia della tecnologia potrebbe essere raccontata così, e sicuramente ci sarebbe questo passaggio in cui vedremmo comparire quello che oggi è realtà, ovvero le action cam, un dispositivo elettronico, una videocamera in miniatura, che ormai riempie gli scaffali dei negozi di elettronica, ed è l’oggetto del desiderio di molti utenti appassionati di sport, tecnologia, vita all’aria aperta.

In questo caso esaminiamo una delle più economiche action cam in commercio, la DBPOWER EX5000, prodotta dalla DBPOWER che fabbrica periferiche per pc, action cam, droni, e altri gadget elettronici.

Questa DBPOWER EX5000 la considero una ottima telecamera per chi vuole fare esperienza con questo tipi di dispositivi, non per il professionista, ma per chi non vuole spendere tanto e vuole comunque provare le brezza di filmare le sue acrobazie o fare riprese specialmente all’aria aperta di gite, vacanze, concerti, ecc…

I materiali di costruzione sono buoni, la funzionalità è buona, le immagini sono valide se fatte in piena luce, ma risultano scarse se la si usa in scarsa visibilità e soprattutto di notte.

Le funzioni che ha sono tante, dalla ripresa fatta con scatti ogni tot secondi, molto utile per fare quelle riprese in cui si vedono le nuvole correre veloce, oppure il motion detection che permette di registrare video solo se qualcosa si muove davanti all’obiettivo, oppure può essere usata come webcam collegata al PC.

Per l’uso principale, action cam, cioè telecamera d’azione, come detto, deve essere usata in piena luce,cioè di giorno con il sole, ma pecca dal lato stabilizzatore, non è di alta qualità.

E’ dotata di numerosi accessori per attaccarla al casco, manubri, pali, ecc… e due batterie, tutto compreso nel prezzo,

Il video qui sotto, da me prodotto, vi mostra qualcosa delle sue caratteristiche….buona visione.

Per l’acquisto, uno dei prezzi più bassi, lo trovate su Amazon.

acquisti online, recensioni

DBPOWER Dash Cam 2K

Quello che vediamo in questo articolo, è un dispositivo che sicuramente non interesserà tutti gli utenti, infatti, si tratta di una cam (videocamera) dash cam (per autoveicoli) della DBPOWER con risoluzione 2K, del tipo che servono a riprendere i nostri tragitti fatti con gli autoveicoli. Non è una action cam, cioè non è una di quelle telecamere che servono a riprendere azioni veloci o acrobazie, ma serve solo a riprendere la strada, o se girata, l’abitacolo del veicolo, per situazioni di sicurezza.
Continue reading “DBPOWER Dash Cam 2K”

arduino

Usare Arduino con Android


Nel progetto denominato Lungo che porto avanti nel sito http://lungoapp.weebly.com ho realizzato, nel quarto tutorial, una connessione tra Arduino e lo smartphone Android, mediante cavo USB.
Continue reading “Usare Arduino con Android”

linguaggi di programmazione

Usiamo Python per esplorare istruzioni Facebook

Tutte le pagine del Web sono scritte principalmente in linguaggio HTML e poi anche in PHP, Javascript, ecc…

Anche Facebook è creata con questi linguaggi, ed esplorando le istruzioni delle sue pagine, qualcuna ha pensato di scoprire che all’interno vi fossero gli ID degli utenti che si collegano al nostro profilo.
Continue reading “Usiamo Python per esplorare istruzioni Facebook”

app android, recensioni

Fare video editing sullo smartphone con Adobe Clip

Tutti usiamo lo smartphone per fare foto e video, perchè è comodo, dato che lo abbiamo sempre con noi, e poi, la maggior parte degli smartphone, hanno qualità di ripresa davvero eccellenti.

Se dobbiamo usare le riprese solo per uso personale, possiamo anche accontentarci del semplice video che abbiamo girato, ma se dobbiamo pubblicare il nostro video sui social, come Youtube, Facebook, ecc… sarebbe meglio editare il video mettendo scritte, tagliando scene, aggiungendo musica, ed altro.

Continue reading “Fare video editing sullo smartphone con Adobe Clip”

recensioni

Tra le migliori cam per il tempo libero


In questi ultimissimi anni, le action cam, hanno conquistato una bella fetta di mercato ed una loro posizione ben definita nei reparti di elettronica, infatti se ci rechiamo a negozi come Mediaworld, Trony, Euronics, Unieuro, ecc… troviamo i soliti reparti “computer”; “stampanti”, “tv”, “elettrodomestici”, ma ora troviamo anche un piccolo reparto dedicato alle action cam.

Le action cam sono quelle videocamere che si usano in “action”, cioè in quelle situazioni di azione, come corse in bicicletta, voli in deltaplano, discese con paracadute, immersioni subacquee, discese con gli sci, e tanto altro ancora.

La regina tra le action cam, come molti di voi sanno, è la GoPro, la società americana che ha realizzato la più performante tra le videocamere d’azione, ma proprio per questo motivo è anche tra le più costose.

Per fortuna, molte sono le ditte che hanno realizzato le loro versioni di action cam, permettendo il loro acquisto anche a chi ha meno possibilità economiche. Chiaramente in molti casi si perderanno caratteristiche più o meno fondamentali, compresa la qualità video.

Ma oltre alle action cam, esistono le life cam che si adattano anche al solo tempo libero o comunque ad ogni uso. Life cam, significa proprio “telecamera per la vita”, cioè per le riprese di vita quotidiana.

Continue reading “Tra le migliori cam per il tempo libero”