Come registrare un percorso

Conoscete Google Street View? E’ quella applicazione di Google, accessibile da computer e smartphone, che permettono di vedere le strade come se camminassimo in quel determinato luogo.

Per mappare tutte le strade esistenti, Google si avvale di dipendenti che viaggiano a bordo di normali automobili, su cui è installata uno speciale dispositivo composto da molte telecamere, che fotografano la strada che viene percorsa.

In pratica, Google dice al dipendente, una cosa simile: “oggi vai a Palermo e mappa la zona nord”, o comunque gli indica una determinata zona della città.

Il dipendente sale a bordo del veicolo, e inizia a viaggiare per le strade della città. Non deve fare altro, perchè il software presente sul computer installato nell’auto, collegato con le telecamere, si preoccuperà di salvare le foto che vengono ripetutamente scattate a 360°. Ma il software fa anche una cosa in più. Una cosa semplice, banale, ma indispensabile per mappare la zona…traccia il percorso che si sta facendo.

In pratica il dipendente, che guida l’auto, può vedere sul monitor del computer, le strade che ha già percorso, perchè man mano che cammina, sulla mappa verrà mostrata come una pennellata di colore, così il dipendente saprà se quella determinata strada che sta per percorrere è già stata percorsa oppure no. Più strade riuscirà a colorare e maggiore saranno le strade visibili su Google Maps Street View.

Può capitare anche a noi di avere bisogno di tracciare il percorso che stiamo facendo, magari perchè stiamo facendo una escursione su sentieri dove potremmo perderci, oppure perchè per il nostro particolare lavoro, abbiamo bisogno di tracciare una zona. Ipotizziamo una cosa che magari potrà sembrare banale: abbiamo voglia di cercare nella nostra città o paese, tutte le chiese esistenti, sia quelle attive che quelle dismesse, magari per una ricerca scolastica, oppure per aggiornare il sito del paese dove viviamo, e cose del genere. Con un software che mappa le strade, potremo sapere se siamo già passati in una determinata strada e quindi non ripassarci, e meglio ancora, potremo fare ricerche con un percorso ben specifico che si attorcigli strada per strada, per non andare fuori zona.

Insomma, sta ad ognuno di noi pensare all’utilità di questo tipo di app.




Parlando del sistema operativo Android, ci sono sicuramente diverse app che permettono di fare questo, ma qui ne vedremo solo una, che ho testato e ho trovato funzionale. L’app si chiama Geo Tracker e potete scaricarla dal Play Store da questo link: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.ilyabogdanovich.geotracker&hl=it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell’immagine sopra si vede un percorso che ho testato partendo da una città, girando al suo interno a lungo e poi finire in un paese della sua provincia. Il percorso che ho fatto, è colorato di blu, e appare sulla mappa di Google Maps, visto da lontano.

Ravvicinando la visuale, premendo sul pulsante +, si può arrivare al dettaglio stradale:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sulla mappa si vedono gli edifici disegnati e la strada ravvicinata. Se percorriamo la stessa strada più di una volta, troveremo più strisce blu, come nel caso della foto sopra, in cui ci sono due strisce blu che indicano che in quella strada sono passato due volte.

Se volete conoscere maggiori dettagli di un determinato passaggio, potete tenere premuto su quel determinato punto e apparirà una finestra che indica diverse info:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In basso a destra dello schermo avrete notato la presenza del pulsante rosso. Questo permette di iniziare una nuova registrazione del percorso. Infatti l’app non è sempre attiva, ma saremo noi a decidere quando dovrà registrare il percorso.

Chiaramente esistono anche delle impostazioni utili che rendono questa app completa, come ad esempio la possibilità di esportare il percorso fatto, magari per visualizzarlo su un PC, oppure la possibilità di decidere con che frequenza l’app dovrà registrare i nostri spostamenti, perchè se viaggiamo in auto abbiamo bisogno di una registrazione più frequente, mentre se facciamo un escursione a piedi, magari possiamo impostare di registrare ogni punto, ogni 5 secondi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ possibile anche visualizzare maggiori dettagli ed informazioni sul percorso fatto, anche queste, esportabili:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come ripeto, sono tante le funzionalità di questa app, come la possibilità di inserire punti a mano, in modo da memorizzare eventuali obiettivi o luoghi da ricordare. Insomma, è un’app sicuramente da scoprire da parte di ognuno di voi, per sfruttarla in base alle vostre esigenze.